Un #SalTo18 nel futuro con un Premio nel presente.

La settimana del Salone Internazionale del Libro a Torino e il conferimento del 44° Premio Mondello, sezione Autori stranieri, a Herta Müller.

Salone libro 2018
Salone libro 2018

Maggio è il mese più propizio agli incontri, l’anticamera delle attese dentro ai colori della primavera inoltrata. Nonostante le bizzarrie climatiche, però, uno degli appuntamenti più

#SalTo18 (locandina di Manuele Fior).

importanti del calendario librario che vi si svolge è il #SalTo18 (Salone Internazionale del Libro di Torino, 10-14 maggio, Lingotto Fiere). Per qualcuno il ‘Salone’ è il Paese dei Balocchi, per altri il Labirinto del Minotauro, per chi invece lo vive come evento o, usando l’espressione del presidente Massimo Bray e del direttore editoriale Nicola La Gioia,non solo come vetrina di eventi”, il Sal.To. è la grande piazza d’Italia dove immaginazione, contemporaneità e storia, autori, editori e personalità si danno convegno col pubblico e ragionano su nuove prospettive e idee.

E’ infatti questo il #SalTo18, un ‘salto di qualità nel futuro’, cioè semenza fresca nel solco delle recenti edizioni che tiene ben in vista il prestigio della tradizione editoriale, in particolare nostrana, nonostante l’infelice tendenza al declino dei lettori e che rafforza lo spirito “produttore di contenuti culturali”.

Il tema prescelto, per non restare al gioco di specchi delle vetrine e ampliare il confronto con questa globalità interdipendente, è “Un giorno, tutto questo…”, un ragionamento sull’idea di futuro in cinque grandi domande: Chi voglio essere? Perché mi serve un nemico? A chi appartiene il mondo? Dove mi portano spiritualità e scienza? Che cosa voglio dall’arte: libertà o rivoluzione?

E per concludere, anche se è solo l’inizio di un grande viaggio dentro una superficie di libri pari a ben oltre 13mila metri quadrati (cioè il 28% in più rispetto al 2017) dei padiglioni 1, 2, 3 e 5 di Lingotto Fiere, c’è poi l’ideale gemellaggio Torino-Palermo, quest’anno anche Capitale 2018 della Cultura Italiana, che dal 2012 si celebra con l’incontro tra lo scrittore e giudice monocratico del Premio Letterario Internazionale Mondello, sezione Autore Straniero, e il premiato prescelto.

Quest’anno, siamo all’edizione quarantaquattresima, lo scrittore Andrea Bajani è stato chiamato per identificare l’autore straniero a cui conferire il Premio. La sua scelta è caduta su Herta Müller, già Nobel per la Letteratura 2009, scrittrice tedesca nata in Romania, riferimento nel mondo letterario internazionale per il contributo offerto attraverso la sua opera.

Una scelta così motivata: «Scrivere vuol dire prima di tutto voler bene a una lingua, affidarle tutto, fidarsi a tal punto dell’alfabeto da consegnargli ciò che di più caro si ha al mondo. Quella di Herta Müller sta senza dubbio tra le esperienze stilistiche più imprescindibili del Novecento. Divisa tra la lingua romena e la lingua tedesca, tra la tenerezza e la fiducia dell’infanzia e la spietata durezza, al contrario, della dittatura, la letteratura di Herta 

Herta Müller, vincitrice del 44° Premio Mondello – Autori stranieri –

Müller ha raccontato come pochi altri hanno fatto le contraddizioni del Ventesimo Secolo. Come tutti i grandi scrittori, però, travalica gli steccati del tempo: le anime indurite che Müller ha raccontato sono le stesse che ogni giorno, nel Duemila inoltrato, ci pongono domande a cui non sappiamo rispondere. La sua lingua scolpita continua a raccontarle, con impietosa, struggente poesia».

L’incontro aperto al pubblico è al Salone Internazionale del Libro, domenica 13 maggio, ore 17, nella Sala Azzurra del Lingotto Fiere. Il riconoscimento è promosso dalla Fondazione Sicilia insieme con il Salone Internazionale del Libro (Torino) e la Fondazione Andrea Biondo (Palermo) e con la collaborazione del Goethe-Institut Turin e della Frankfurter Buchmesse.

Per approfondimenti: http://www.salonelibro.it/it/news/20692-il-programma-completo-sfogliabile-del-xxxi-salone-internazionale-del-libro.html

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030