Per un pugno di libri, la finale del format televisivo vinta dalla quinta H del liceo Galilei di Palermo

La classe si è sfidata con gli studenti del liceo "Carducci" di Milano nella nota trasmissione Rai

La classe palermitana durante la proclamazione della vittoria

Il Liceo “G. Galilei” di Palermo si è aggiudicato la finale del format televisivo “Per Un Pugno Di Libri” in onda su Rai 3. La classe quinta H, coordinata dalle professoresse Angela Cerami ed Elisa La Scala, si è sfidata con gli studenti del Liceo Classico “Carducci” di Milano nella nota trasmissione Rai condotta da Geppi Cucciari e da Piero Dorfles. 

La finale, risultata da una gara che ha visto partecipare 22 licei provenienti da tutta Italia, oltre ai tradizionali giochi di cultura letteraria e di linguistica stabiliti, prevedeva l’attenta analisi del “Riccardo III” di Shakespeare.

“Sono molto orgogliosa del risultato ottenuto da questa splendida classe. E lo sono doppiamente perché testimonia non solo la loro bravura e il loro impegno ma anche e soprattutto la generosità e la professionalità dei docenti di un liceo, il Galilei, che sollecitano e promuovono il merito e le eccellenze, che sanno farsi carico delle difficoltà di ciascuno e sanno dare e ridare fiducia in sé stessi e nel gruppo classe”. Lo ha detto Rosa Maria Rizzo Dirigente scolastica Liceo G. Galilei Palermo.

Il sindaco di Palermo, Leouca Orlando, ricevuta la notizia ha così commentato: “la vittoria della classe quinta H del Liceo Galilei è l’ulteriore conferma del protagonismo nazionale degli Istituti Scolastici della Città Metropolitana di Palermo che si sono distinti e continuano a farlo grazie agli studenti, consapevoli e motivati dal loro valore e dalla loro passione, e grazie ai loro insegnati, impegnati quotidianamente con entusiasmo e dedizione nella loro missione. A tutti loro vanno le mie congratulazioni per il risultato raggiunto e il mio apprezzamento per la preparazione che hanno mostrato, risultato che contribuisce ad aggiungere valore alla Città Metropolitana di Palermo”.

 


Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030