Tommy Lo Scrutatore e LeAli insieme per aiutare i senza fissa dimora

Tommy Lo Scrutatore presenta il suo calendario
Tommy Lo Scrutatore presenta il suo calendario

Anche quest’anno, il piccolo Tommy Lo Scrutatore, un simpatico barboncino bianco che “racconta” la sua quotidianità su Facebook, sarà testimonial di un progetto a sfondo sociale.

L’amico a quattro zampe, infatti, è il protagonista del calendario 2019, curato dall’associazione per la Protezione Civile “LeAli” che opera in Sicilia, prevalentemente a Palermo, e realizzato con l’obiettivo di raccogliere proventi volti all’attuazione dei progetti sociali ed umanitari di cui la stessa associazione si occupa da dieci anni.

Il calendario narra le vicissitudini in cucina di Tommy e le sue “riflessioni” in merito a quanto accade nell’ambiente domestico durante le giornate. Ogni mese racconta un aneddoto diverso e dà qualche suggerimento culinario.

«Il calendario non è in vendita – precisa Sergio Quartana, proprietario e “voce” di Tommy -, ma sarà disponibile, per coloro che ne faranno richiesta, presso la sede dell’associazione lasciando un piccolo contributo. Sarà anche possibile richiedere una copia del calendario, giorno 14 gennaio, al Cineteatro Colosseum».

Abbiamo chiesto a Sonia Pecorella, presidente dell’associazione “LeAli“, a quale specifico progetto verranno destinati i proventi del calendario e quali sono le attività a cui si sta dedicando l’associazione: «Vorremmo investire sulle ronde notturne, dando assistenza ai senza fissa dimora tutti i martedì sera, e vorremmo potenziare questo servizio alla luce della preparazione dei pasti».

«La situazione attuale dei senza fissa dimora – ha spiegato la presidente – è molto grave, soprattutto quella che riguarda i “nuovi poveri”. Tuttavia, la città di Palermo, si rivela ogni giorno sempre solidale nei confronti di queste persone e per nulla cinica e, attraverso una fitta rete di associazioni, vengono forniti servizi di assistenza 365 giorni all’anno. La nostra associazione dà assistenza serale a circa 150 persone che orbitano nel Centro storico, negli assi viari Norarbartolo, Libertà, Malaspina e altri».

«Anche la risposta della cittadinanza è molto positiva – ha affermato soddisfatta Sonia Pecorella -, infatti, ieri, durante l’emergenza freddo alla Chiesa San Giuseppe Cafasso, i cittadini hanno donato coperte, giubbotti e scarpe per aiutare le persone in difficoltà».

LeAli” opera, in sinergia con altre associazioni sul territorio, all’interno dei dormitori comunali, uno dei quali è stato intitolato al prematuramente scomparso Aldo Melilli, ex presidente e fondatore dell’Associazione.

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030