Pallanuoto, il TeLiMar cade a Salerno. Contro la Rari Nantes finisce 10-6

Il Club dell’Addaura alla 1^ sconfitta stagionale tiene bene per metà del match, poi subisce la determinazione dei campani

TELIMAR, ANDREA LAMOGLIA

Alla quarta giornata del Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile di Serie A2 Sud arriva la prima sconfitta stagionale per il TeLiMar di Zoran Mustur che, in trasferta a Salerno, non riesce ad avere la meglio sulla Rari Nantes, seria candidata alla promozione.

Alla Piscina Simone Vitale, trasformatasi come di consueto in una bolgia, il match si chiude sul 10-6. I palermitani tengono bene il ritmo dei campani nella prima metà della partita. Fatale il terzo tempo con qualche errore di troppo in fase di attacco che, tuttavia, stimola la reazione degli ospiti, capaci poi di rispondere colpo su colpo negli ultimi otto minuti di gioco.

Dopo 2’30 dall’inizio del match rompono il ghiaccio i padroni di casa con Pica in superiorità numerica, ma il Club dell’Addaura è sceso bene in vasca e ribalta il punteggio del primo parziale che si chiude sull’1-2 per le reti di Tuscano su uomo in più a 4’54 e di Di Patti a 15” a uomini pari.

Il Salerno si riporta in parità con Luongo a 6’42 dalla fine del secondo tempo, che si gioca su ritmi serrati. A fare la differenza sono i due estremi difensori: Santini per i campani e Lamoglia per i ragazzi allenati da Mustur mantengono il match in equilibrio salvando la propria porta in diverse occasioni.

I padroni di casa, così come in tutto l’inizio di stagione, si vedono sulla distanza e anche in questo caso la seconda metà del match si apre con una reazione degli uomini di Citro che in 2’45 provano l’allungo con una doppietta di Gandini, in entrambe le occasioni su uomo in più, per il 4-2. Risponde Migliaccio in superiorità a 4’49 dal termine del terzo quarto di gioco. La Rari Nantes, però, è più concreta e, dopo aver trasformato il rigore del 5-3 con Luongo a 3’11, si porta sul più 4 con Luongo e Cupic. Il Capitano TeLiMar, su assist di Migliaccio firmando la rete del 7-4 tiene vive le speranze dei palermitani quando manca 1’01 dalla terza sirena. Il terzo tempo, però, si chiude sull’8-4 per il goal di Fortunato arrivato a 4”.

I ragazzi del Presidente Giliberti non sembrano perdersi d’animo e in apertura dell’ultimo quarto accorciano le distanze con Saric che trasforma un rigore fischiato per un fallo su Davide Occhione. Ribatte il Salerno con Parrilli in superiorità a 4’33 per il 9-5. Un minuto dopo è Tuscano a segnare la sua doppietta di giornata, ma i padroni di casa con Cupic a 1’14 per il 10-6 mettono fine al tentativo di rimonta del TeLiMar.

Da registrare le espulsioni di Galioto e Di Patti per limite di falli, entrambi nel terzo tempo.

Marcello Giliberti, Presidente TeLiMar ha detto: «Abbiamo perso 10-6 giocando bene. Abbiamo giocato alla pari i primi due tempi e sbagliando poi troppo in fase conclusiva. Avversari fortissimi, concentratissimi e molto pragmatici. Risultato giusto rispetto a quanto espresso in acqua. Aspetto giornate in cui esprimeremo un gioco migliore».

Parziali: 1-2; 1-0; 6-2; 2-2.
Superiorità: Rari Nantes Salerno 5/14 + 1 rigore; TeLiMar 3/10 + 1 rigore

Il Tabellino
RN Salerno: 1. Santini, 2. Luongo (3), 3. Gandini (2), 4. Sanges, 5. Scotti, 6. Gallozzi, 7. Fortunato (1), 8. Cupic (2), 9. Mauro, 10. Parrilli (1), 11. Spatuzzo, 12. Pica (1), 13. Ragosta – Allenatore: Matteo Citro
TeLiMar: 1. Lamoglia, 2. Tuscano (2), 3. Galioto, 4. Di Patti (1), 5. E. Fabiano, 6. Lo Dico, 7. Giliberti, 8. Saric (1 su rig.), 9. Lo Cascio (1), 10. Tabbiani, 11. A. Fabiano, 12.Migliaccio (1), 13. Raineri – Allenatore: Zoran Mustur

Arbitri: Carmelo Polimeni di Roma e Stefano Pinato di Nervi (GE).

 

 

Print Friendly, PDF & Email