Nuoto: la Polisportiva Nadir conquista il titolo regionale Master

La polisportiva palermitana ottiene così il nono titolo regionale ed il secondo titolo consecutivo

Polisportiva Nadir Palermo

La Nadir Palermo batte i rivali della Waterpolo Palermo, nella due giorni di gare svolte tra la piscina comunale di viale del Fante e l’Hydra di Villabate.

Per la nona volta Nadir si trova sul tetto della Sicilia che nuota, secondo titolo consecutivo dopo quello conquistato lo scorso anno a Paternò. La società palermitana ha firmato l’ennesimo successo, conquistando al termine di un testa a testa con i “rivali ” della Waterpolo, un titolo regionale “pesante” per numeri e qualità.

Una sfida aperta fino all’ultimo quella con la Waterpolo, vissuta bracciata dopo bracciata, tra la piscina olimpica di viale del Fante e la piscina Hydra di Villabate, dove si sono svolte tutte le staffette e i 100 misti.

Ecco le parole del coach Salvo Caleca: “Grazie a tutti i meccanismi che ormai sono perfettamente rodati abbiamo raggiunto l’obiettivo, non tanto scontato peraltro ; un successo ottenuto con
grande spirito di partecipazione. Adesso ci concentreremo per la
fase finale della stagione agonistica che culminerà con i campionati italiani di Riccione con l’obiettivo di giungere per il quinto anno consecutivo nella prima posizione delle classifiche nazionali”.

Una due giorni che ha visto in vasca 773 atleti in rappresentanza di 26 società arrivate da ogni parte della Sicilia.
Sfida aperta tra Nadir e Waterpolo dicevamo (insieme anche
nell’organizzazione dell’evento) con la prima che ha schierato un mini esercito di 196 atleti con 34 staffette e i bianco-rossi pronti a rispondere
con 190 iscritti e lo stesso numero di staffette schierate. Alla fine la Nadir l’ha spuntata per una manciata di punti, 248.922 punti contro i 225.254 punti della Waterpolo. Terzo gradino del podio l’ennesima conferma da parte della Mimmo Ferrito con poco più di 132.000 punti.

“La lotta per il primato tra le due prime società master d’Italia (Nadir e Waterpolo n.d.r.) è stata veramente emozionante , lo ha affermato il
presidente della Nadir Palermo Giuseppe Morici.
Le due società che hanno organizzato insieme questa magnifica edizione del campionato regionale Master hanno dato vita a un testa a testa sino
all’ultima gara. Felice che il gruppo master Nadir sia sempre più compatto, sempre più giovane e pieno di energia positiva, cosa che fa ben sperare per il futuro”.

Buoni anche gli spunti tecnici con le due migliori prestazioni tabellari, ovvero quella di Maria Aldwine Eder M55 della Polisportiva Nadir con 978,71 punti nei 200 dorso (2’49″09) e di Tony Trippodo M40 della Mimmo Ferrito con 982,49 punti nei 400 misti (4’53″53).

Ventisei i titoli regionali migliorati, diciassette quelli individuali e nove di staffetta. In queste ultime, il record è “suonato” ben sei volte per la Waterpolo, due volte per la Nadir, una per la Mimmo Ferrito. Tra i
diciassette record individuali “riscritti” due ciascuno portano la firma di
Valentina Salvia M60 (Waterpolo Palermo) nei 100 stile libero (1’13″29) e nei 200 misti 3’03″32, Tiziana Papandrea M45(Synthesis Catania negli 800 stile (10’08″20) e nei 200 dorso (2’39”19), Eugenia Cannada M65 (Waterpolo) nei 400 stile 7’02″10 e nei 100 stile 1’32″63 e Marco Mattia Conti M55  (Olympia Palermo) nei 100 stile 59″56 e nei 50 stile con il tempo di 26″79.

Archiviati i campionati regionali, lo sguardo lungo della dirigenza Nadir punta già agli italiani, in programma dal 25 al 30 giugno a Riccione, dove andrà difeso il titolo conquistato lo scorso anno proprio a Palermo. Una volata da lanciare magari insieme alla Waterpolo, con il tricolore pronto a rimanere a “casa nostra”.

Print Friendly, PDF & Email