martedì, 13 Aprile 2021
spot_img
HomesocialeMorto Salvatore Crispi, presidente del Coordinamento H di Palermo

Morto Salvatore Crispi, presidente del Coordinamento H di Palermo

“Grande è il dolore per la scomparsa di Salvatore Crispi, leader dolce, forte e generoso dei diritti dei diversamente abili. Palermo deve al suo costante impegno la presa di coscienza di una cittadinanza senza barriere culturali e architettoniche. In occasione della sua morte, il pianto di quanti lo hanno conosciuto e apprezzato si unisce al ricordo di tante battaglie di civiltà nella nostra realtà cittadina e regionale”.

Lo ha dichiarato il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, dopo aver appreso la notizia della morte di Salvatore Crispi, presidente del Coordinamento H.
Vincenzo Marino, del Movimento dei Cittadini Sicilia sul proprio sito, ha scritto un pensiero dedicato a Salvatore Crispi che riportiamo integralmente
Grande Amico, grande Maestro e grande Volontario, ci ha lasciato, come al suo solito, “senza disturbare”…

Fautore di tante lotte e di tante azioni a favore dei disabili.
Uomo di immensa umanità e cultura, possedeva una visione globale e mai settoriale.
Nonostante la sua disabilità, girava la Sicilia ed anche l’Italia per portare il suo contributo, le sue conoscenze, il suo bagaglio personale.
Un esempio per tutti di grande volontà e nonostante il periodo di stasi, per non dire involutivo, delle politiche sociali, non si dava per vinto, continuando a lottare ed offrire, attraverso la sua sapienza e saggezza, una parola di conforto per tutti.
Piace ricordarlo sorridente, perché sia da esempio per tutti noi che, anche se viviamo “momenti” poco sereni, dobbiamo superare gli ostacoli e le barriere che la vita ci presenta.
Lo ha dimostrato, anche, quando ha perso la madre con la quale viveva ed aveva legame oltremodo particolare. Anche in questa circostanza è riuscito a reagire e continuare nei suoi appelli, nelle sue lotte che poi erano a favore di tutti i disabili.
Ha portato avanti leggi ed il Piano triennale, e riteniamo che se la classe politica è veramente costernata per la sua scomparsa, deve attuare quanto giace in cantiere, perché, a suo dire, le leggi esistono ma purtroppo non vengono applicate.
Al fratello Maurizio, l’invito di non togliere il profilo FB. 
A Graziangela Melotti, l’invito di continuare il prezioso sostegno e la professionale e sentita collaborazione.
Alle Associazioni di Volontariato l’invito di fare sentire con più forza e veemenza la propria voce per reclamare i diritti negati. 
Alle Associazioni aderenti al Coordinamento H di continuare, eleggendo una persona degna di sostituire il caro ed amato Salvatore e tutte le tipologie di disabili.
Alla classe politica di dimostrare con fatti ed azioni concreti la parità, ricordando che trascorrere delle ore con una Persona disabile e ben diverso che occuparsene per 24 ore, per mesi, per anni.
A tutti l’invito di dedicare il prossimo 3 dicembre e negli anni a venire a Salvatore Crispi perché lo merita ed andrà sempre ricordato.”
“La scomparsa di Salvatore Crispi, del coordinamento H di Palermo, lascia un vuoto incolmabile in tutti noi. Nel suo sguardo, fatto di dolcezza e ironia, si coglieva la sua grandezza umana, capace di conquistare a prima vista. Caro Salvatore ci mancherai, ci mancheranno i tuoi sguardi più significativi di mille parole”. Lo dice il capogruppo di Idv a Sala delle Lapidi Filippo Occhipinti (Idv).
CORRELATI

Ultimi inseriti