La Festa dell’accoglienza ai Cantieri Culturali della Zisa: un dono speciale da scuola a scuola

Presente stamane anche l'ICS “Sperone-Pertini” di Palermo con un omaggio rivolto agli studenti dell’ICS “Antonio Ugo”

Gli studenti dell'ICS “Sperone-Pertini” con la pomelia

Circa cinquecento persone, tra studenti, professori di 17 scuole palermitane e rappresentanti  di associazioni, questa mattina hanno preso parte al cinema De Seta ai Cantieri culturali della Zisa alla “Festa dell’accoglienza di tutte le scuole e della cittadinanza”.

L’evento, organizzato da Riccardo Ganazzoli, dirigente scolastico della scuola media “Antonio Ugo”, insieme alla prima collaboratrice, Marilena Salemi, con il patrocinio del Comune di Palermo, ha visto il coinvolgimento degli studenti di 17 scuole palermitane, oltre ad alcune associazioni, che hanno curato alcune performance artistiche sul tema dell’accoglienza e dell’integrazione. Presenti, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori alla cultura e alla scuola, Andrea Cusumano e Giovanna Marano, la direttrice USR Sicilia, Maria Luisa Altomonte e l’assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale della Regione Sicilia, Roberto Lagalla; ed ancora, Teresa Favarolo dell’associazione “Nuovi Orizzonti” e i rappresentanti di Ancodis, l’associazione nazionale collaboratori dei dirigenti scolastici.

Questa mattina anche l’ICS “Sperone-Pertini” di Palermo è stato presente alla Festa dell’Accoglienza con un dono rivolto agli studenti dell’ICS “Antonio Ugo”. Si tratta di una pianta di pomelia, nella variante “palermitana”, dai caratteristici fiori bianco-gialli. Un dono dal significato simbolico, in quanto la pomelia si accosta da sempre a valori quali la pace e l’amicizia.

Inoltre questa pianta è per Palermo anche “una metafora del migrante”, che trova non soltanto accoglienza, ma anche possibilità di integrazione, fino a divenire parte integrante della città.

La pomelia, fiore esotico, arriva infatti a Palermo nella seconda metà dell’800, dopo un lungo viaggio per mare. E’ una pianta che non cresce in ogni nuovo luogo, ma si lascia conquistare da Palermo e la conquista a sua volta. Ricalca la storia di una migrazione in terra sicula e di una felice integrazione. E Ben si addice ai messaggi che ogni giorno vengono promossi nelle scuole cittadine, che sono altresì luoghi dove si costruiscono relazioni, amicizie, ponti.

E proprio un ponte ideale è quello che gli studenti dell’I.C.S. “Sperone-Pertini” hanno creato con l’ICS “Antonio Ugo”. Contemporaneamente alla messa a dimora della pomelia donata all’”Antonio Ugo”, ne verrà piantata un’altra nel plesso Padre Puglisi di via Giannotta.

Le altre scuole presenti sono state: Antonio Ugo, Edmondo De Amicis, Aristide Gabelli, Guglielmo Marconi, “Colozza-Buonfiglio”, Giuliana Saladino”, Silvio Boccone, Madre Teresa di Calcutta, Rapisardi-Garibaldi, Regina Margherita insieme ai Licei: Camillo Finocchiaro Aprile, Giovanni Meli, Vittorio Emanuele II, Cesareo, Ninni Cassarà, Danilo Dolci,
De Cosmi e Damiani Almeyda – Francesco Crispi.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030