Fratelli: al Teatro Biondo di Palermo il romanzo di Samonà

nella messa in scena di Claudio Collovà interpretata da Sergio Basile e Nicolas Zappa

Fratelli
Fratelli

Sergio Basile e Nicolas Zappa sono i protagonisti di Fratelli, il nuovo spettacolo di Claudio Collovà ispirato all’omonimo romanzo di Carmelo Samonà, che debutta in prima nazionale nella Sala Strehler del Teatro Biondo di Palermo il 14 febbraio alle ore 21.00. Le scene e i costumi sono di Enzo Venezia, le musiche di Giuseppe Rizzo.

Repliche fino al 25 febbraio.

Claudio Collovà ripropone Fratelli, che aveva messo in scena diversi anni fa per il “Festival di Palermo sul Novecento”, in una nuova edizione che non definisce “una ripresa”: «Sarà una nuova regia – afferma il regista – con molta più esperienza da parte mia e molti attraversamenti. L’immaginario resterà lo stesso, ispirato alla pittura di Francis Bacon. Fratelli è un romanzo scarno di parole, ricchissimo di silenzi, ma anche di azioni che rendono possibile un percorso di drammaturgia teatrale».

Ispirato al romanzo omonimo di Carmelo Samonà (pubblicato nel 1978 da Einaudi e oggi da Sellerio), lo spettacolo affronta il tema della malattia attraverso un congegno narrativo di grande impatto. Samonà è stato un intellettuale di grande levatura e i suoi romanzi vennero accolti con «vasto e unanime riconoscimento». Fratelli costituì un caso editoriale per diversi motivi: malgrado la “difficoltà” dell’argomento e della scrittura, esaurì nel giro di sei mesi le trentamila copie previste per il lancio e, arrivato in cinquina, insidiò la vittoria di Ferdinando Camon al premio Strega. Recensori eccellenti, da Giorgio Manganelli a Natalia Ginzburg, da Walter Pedullà ad Alfredo Giuliani (che lo definì «un libro di conoscenza e di rara eleganza intellettuale»), fecero accostamenti lusinghieri, da Kafka a Conrad a Canetti, soffermandosi in particolar modo su due temi principali della scrittura di Samonà: quello della malattia mentale e quello del linguaggio.

Fratelli nasce dal silenzio, dal vuoto dell’uomo, la sua malattia congenita è la solitudine. I due fratelli del racconto vivono isolati in un vecchio appartamento, dove soltanto a sprazzi arriva il flebile impasto sonoro della città. Non esiste nulla di stabile, di preciso, di definito: sembrerebbe un aleggiare di corpi e voci che si battono contro ostacoli invisibili. La regia spezza l’io narrante per farlo convivere tra i due personaggi, in un rimbalzo di emozioni che segue l’andamento tortuoso del testo.

«Fratelli – spiega Claudio Collovà – è un racconto di una grande bellezza e silenzioso a tal punto che, al di là della storia realistica e biografica, occupa una dimensione metaforica utile per una ricerca teatrale non vincolata, che mi ha spinto a considerare i due fratelli come un io diviso, come due aspetti diversi e contrastanti della stessa persona. L’uno nel suo maniacale tentativo di mettere sistematicamente ordine al mondo e ai comportamenti dell’altro attraverso una scia di indizi che fedelmente registra, e l’altro, consciamente e involontariamente, teso alla distruzione delle infinite e contraddittorie riflessioni del fratello, e materialmente impegnato a disordinarne le tracce per distruggere ogni indagine su di sé. Irrealtà e realtà si intrecciano e si mescolano, e i due fratelli, per ragioni diverse, sembrano afflitti entrambi dalla malattia. Una lotta incessante, violenta ma anche carica di amore, che li accomuna e li rende simili».

Iconograficamente, Collovà si è ispirato alla pittura di Francis Bacon, affidando al make-up artist Gae Pusanti il trucco degli attori e ad Enzo Venezia i costumi e la scena, delimitata da strutture geometriche che sembrano uscite da un dipinto dell’artista inglese.

Spiega il regista: «Considero Bacon un riferimento fondamentale proprio per certi disequilibri che riguardano innanzitutto l’anima, con figure che sono grumi di dolore e di agonia e tuttavia cocciutamente vivi. Del resto la solitudine, la provvisorietà, la crisi, l’incomunicabilità sono i tratti distintivi che avvicinano l’opera di Bacon al mondo raccontato da Samonà nel suo meraviglioso romanzo».

Fratelli

dal romanzo di Carmelo Samonà con Sergio Basile e Nicolas Zappa
regia e drammaturgia Claudio Collovà
scene e costumi Enzo Venezia
musiche Giuseppe Rizzo
assistente alla regia Valentina Enea
assistente alle scene e ai costumi Ottavio Anania
make-up artista Gae Pusanti
produzione Teatro Biondo Palermo
durata 1 h e 25 min.

calendario delle rappresentazioni:

mercoledì 14 febbraio ore 21.00
giovedì 15 febbraio ore 21.00
venerdì 16 febbraio ore 17.30
sabato 17 febbraio ore 17.30
domenica 18 febbraio ore 21.00
martedì 20 febbraio ore 17.30
mercoledì 21 febbraio ore 21.00
giovedì 22 febbraio ore 21.00
venerdì 23 febbraio ore 17.30
sabato 24 febbraio ore 17.30
domenica 25 febbraio ore 21.00 

biglietti

intero euro 16
ridotto euro 14
studenti e under 25 euro 8

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030