Festino. Nella notte le squadre RAP e RESET rimuovono 40 tonnellate di rifiuti

9

Alle 9 di stamattina tutta l’area interessata dal percorso del Festino nel corso della serata di ieri era già ripulita e fruibile in condizioni di decoro.

Questo grazie all’intervento delle maestranze RAP, che già alle 4 sono intervenute in massa e con diversi mezzi per la raccolta dei rifiuti, lo spazzamento ed il lavaggio delle strade. All’alba invece sono intervenuti gli operai della RESET per la pulizia delle aree verdi del Foro Italico.

Già durante la manifestazione, dalle 17 di ieri, cinque squadre della RAP erano state messe a disposizione della sala operativa della Questura per eventuali servizi preventivi e di emergenza, secondo le nuove direttive in materia di sicurezza pubblica in occasione di grandi eventi.

Rispetto al normale organico in forza nelle aree centrali, sono stati 80 gli operai aggiuntivi in servizio.

Complessivamente sono stati rimossi 32 frigoriferi e 20 ingombranti e sono state raccolte oltre 40 tonnellate di rifiuti nonché svuotati gli 80 bidoni carrellati posizionati alla Cala.

Per la pulizia delle strade sono state utilizzate simultaneamente ben 6 spazzatrici, 6 autocompattatori ed una pala.

In queste ore, dopo gli interventi di pulizia già eseguiti, alcune squadre presidiano il percorso interessato dalla processione dell’Urna Argentea, in cui sono custodite le Sacre Reliquie di Santa Rosalia.

Nonostante questo sforzo straordinario che ha distolto dai servizi ordinari una consistente parte della forza lavoro, l’azienda é riuscita a  garantire la copertura dei servizi sia stradali che nell’area del porta a porta con una presenza del personale superiore al 50 %. Regolari anche i servizi in tutte le borgate marinare.

Un plauso all’operato dell’azienda viene dal Sindaco Leoluca Orlando che sottolinea come “in questo ultimo periodo, con il susseguirsi di eventi di grande impatto soprattutto sul centro cittadino, anche la RAP è stata sottoposta ad un lavoro extra, cui ha fatto fronte con professionalità e garantendo sempre un livello adeguato di servizi sia ordinari che straordinari.”