Una donna dà il cibo a un gatto per strada e viene aggredita, picchiata e strappati anche i vestiti

Lo scorso sabato sera, a Palermo, in via Cammarano, nei pressi dei quartieri Borgo Nuovo e Cep, una donna, R. P., è stata aggredita, picchiata e strappato i vestiti di dosso, lasciandola con il solo reggiseno. Autori dell’aggressione, secondo quanto ci viene riferito, sarebbero due donne e un uomo.

La violenza, sarebbe scaturita perché R.P., come consuetudine, stava dando del cibo a un gatto che bazzica in quella via. Un’azione che probabilmente non gode dell’approvazione di qualcuno, nonostante la donna, abbia sempre ripulito la zona dopo che il gatto ha concluso il suo pasto. In ogni caso, escludendo questo spiacevole episodio, accaduto qualche giorno fa, gli abitanti del quartiere hanno sempre mantenuto un rapporto pacifico e tranquillo coi randagi. La donna, infatti, sfama circa 150 randagi, a sue spese, e lo fa ogni giorno e da molti anni.

Sulla vicenda è intervenuta Elvira Dragonia Vernengo che, all’interno del Laboratorio Ambiente e Tutela Diritti Animali Idv, ha la delega alla tutela dei diritti degli animali. La Vernengo, oltre a sottolineare l’amarezza e il dispiacere per quanto accaduto, ribadisce la propria presenza e assistenza sul territorio, proprio per contrastare, e soprattutto prevenire, episodi di questo genere. La tutela degli animali abbraccia anche chi per loro si adopera concretamente, e ogni giorno scende per strada ad aiutarli.

Massima solidarietà anche da Laboratorio Ambiente, espressa dalla Responsabile, Beatrice Feo Filangeri, che ha detto:  «A Palermo é accaduto un episodio gravissimo. Riteniamo profondamente grave ed incivile questo gesto, segnalato anche alla Polizia. Il Laboratorio, ed io in prima persona, siamo disposti a costituirci parte civile per qualsiasi eventuale azione civile o penale».

Print Friendly, PDF & Email

Giornale Cittadino Press
Testata giornalistica registrata Tribunale di Palermo n. 7/2014
Direttore Responsabile: Ninni Ricotta