Domani a Palermo i funerali delle vittime di Casteldaccia. Il Sindaco proclama lutto cittadino

Ecco anche le disposizioni relative alla circolazione stradale e divieti di sosta per martedì 6 novembre

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, in occasione dei funerali delle nove vittime dell’alluvione a Casteldaccia, che saranno celebrati domani, martedì 6 novembre, alle ore 11, nella Cattedrale di Palermo, ha proclamato il lutto cittadino e ha disposto che siano esposte le bandiere a mezz’asta negli edifici comunali.

Lutto cittadino anche a Casteldaccia, luogo dove hanno perso la vita i due nuclei familiari. “Considerato che l’Amministrazione comunale e l’intera cittadinanza Casteldaccese intendono manifestare il proprio dolore per il tragico evento accaduto la sera di sabato 3 novembre 2018 – si legge dal sito web del Comune – si ritiene dover proclamare il lutto cittadino. Il Sindaco invita tutti i concittadini, le istituzione pubbliche, tutte le organizzazioni pubbliche e private, a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute più opportune, in segno di raccoglimento e rispetto verso le vittime”.

Il Dirigente del Servizio Trasporto Pubblico di Massa e Piano Urbano del Traffico ha emesso oggi un’ordinanza che dispone, per la giornata di domani, in occasione dei funerali in Cattedrale delle vittime dell’inondazione di Casteldaccia, la chiusura al transito veicolare, anche per gli autorizzati, di via Vittorio Emanuele, nel tratto compreso tra Porta Nuova e Piazza Villena esclusa. In questa disposizione sono compresi tutti gli attraversamenti.

Il provvedimento sarà valido il 6 novembre, dalle ore 8 alle ore 16.

Contestualmente, a piazzetta Sett’Angeli ed in via dell’Incoronazione, sarà istituito il divieto di sosta con rimozione coatta nell’intera area, anticipato alla mezzanotte del 6 novembre, eccetto i veicoli delle Autorità.

E’ autorizzato, dalle 8 alle 16 di domani, l’ingresso e la sosta in piazza del Parlamento ai veicoli delle Autorità e dei familiari delle vittime.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Testata giornalistica reg. Tribunale Palermo n. 7/2014 - Iscrizione ROC n. 31030