I-design, lunedì pomeriggio inaugurazione della mostra “Borsettando”

Alle 17,30, nella nuova Galleria Santa Marina di piazzetta Pietro Speciale

33
Daniela Masi Tuba bag
Daniela Masi Tuba bag

Prosegue a Palermo, lunedì 13 novembre, “I-design”, la manifestazione curata da Daniela Brignone, in corso fino al 19 novembre.

Alle 17,30nella Galleria Santa Marina (Piazzetta Pietro Speciale 5), nuovo spazio espositivo nel cuore del centro storico, si inaugura “Borsettando”, mostra curata dal docente Angelo Pantina, inerente la progettazione e realizzazione di borse, zaini e borse a tracolla realizzati con materiali di riuso e riciclo da parte degli studenti del Laboratorio di Disegno Industriale I, Facoltà di Architettura, Università di Palermo.

Le tre tipologie di oggetti sono progettate sulla base dell’intero ciclo dell’autoproduzione, tenuto conto anche delle caratteristiche innovative rispetto a diversi parametri quali set up organizzativo-fabbricativo, produzione, identità-comunicazione, distribuzione, gestione ciclo di vita e commercializzazione. Dai jeans agli zaini militari, dai teloni da camion alle camere d’aria e altro ancora, i materiali sono stati recuperati nei mercatini isolani.

L’obiettivo è finalizzato alla valorizzazione del disegno industriale attraverso la formazione dei giovani studenti sul progetto, sulle modalità di fare impresa e di sviluppare le capacità di interfacciarsi con eventuali produttori, nella prospettiva di creare nuove occupazioni, aprendo alla riflessione sulla relazione tra situazione locale e globalizzazione, ma soprattutto con l’obiettivo di un futuro più eco-sostenibile.

In questo modo si ottiene l’effetto di avvicinare design e produzione, per attivare un ambito di ricerca finalizzato al raggiungimento di un prodotto di qualità e innovativo che trovi una strada autonoma e originale e che introduca nell’uniformità della produzione industriale la “differenza”. La filosofia è radicata nel genius loci e si esplica in un’occupazione critica opposta all’alienazione della ripetitività, fondandosi sull’esperienza continua, sulla ricerca dell’innovazione e quindi di un’attività creativa in perenne evoluzione; riconosce l’importanza dei materiali, delle tecniche, della tradizione, dell’artigianato e della storia.